La venuta del figlio dell'uomo nella gloria

Leggi tutto: La venuta del figlio dell'uomo nella gloria

18 novembre 2018

XXXIII domenica del tempo Ordinario
Mc 13,24-32
di ENZO BIANCHI 

Se il credente sa leggere la storia, aderendo alla realtà quotidiana della vita umana e ascoltando la parola di Dio che sempre risuona nel suo oggi, allora sarà pronto per l’ora della venuta temibile e misericordiosa del Signore: un’ora che solo il Padre conosce, un’ora in cui i figli di Dio dispersi saranno finalmente una comunione, che non conoscerà più né morte, né male, né peccato.

Continua la lettura

Il primo comandamento

Leggi tutto: Il primo comandamento

4 novembre 2018

XXXI domenica del tempo Ordinario
Mc 12,28-34

di ENZO BIANCHI 

Risalendo alla volontà del Legislatore, Gesù discerne che amore di Dio e del prossimo sono in stretta connessione tra loro: la Legge e i Profeti sono riassunti e dipendono dall’amore di Dio e del prossimo, non l’uno senza l’altro. Se è vero che ogni essere umano è creato da Dio a sua immagine, non è possibile pretendere di amare Dio e, contemporaneamente, disprezzare la sua immagine sulla terra. E il prossimo è colui al quale ci facciamo prossimi, vicini, come Gesù ha affermato a commento della parabola del samaritano.

Continua la lettura

"La tua fede ti ha salvato"

Leggi tutto:

28 ottobre 2018

XXX domenica del tempo Ordinario
Mc 10,46-52
di ENZO BIANCHI 

Ogni lettore può identificarsi con il cieco Bartimeo. Deve solo prendere coscienza della propria cecità e gridare al Signore Gesù: “Abbi pietà di me!”, con piena fiducia che egli può salvarlo, cioè può strapparlo dalla tenebra e fargli vedere quello che i suoi occhi non riescono a vedere.

Continua la lettura

Tra voi non è così

Leggi tutto: Tra voi non è così

21 ottobre 2018

XXIX domenica del tempo Ordinario
Mc 10,35-45
di ENZO BIANCHI 

Ecco la vera “costituzione” data da Gesù alla chiesa: una comunità di fratelli e sorelle, che si servono gli uni gli altri, e tra i quali chi ha autorità è servo di tutti i servi. Nella chiesa non c’è possibilità di acquisire meriti di anzianità, di fare carriera, di vantare privilegi, di ricevere onori: occorre essere servi dei fratelli e delle sorelle, e basta!

Continua la lettura