Un lavoro agricolo interiore

Photo by Steve Johnson on Unsplash
Photo by Steve Johnson on Unsplash

18 settembre 2021

Dal Vangelo secondo Luca - Lc 8,4-15 (Lezionario di Bose)

In quel tempo 4poiché una grande folla si radunava e accorreva a lui gente da ogni città, Gesù disse con una parabola: 5«Il seminatore uscì a seminare il suo seme. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada e fu calpestata, e gli uccelli del cielo la mangiarono. 6Un'altra parte cadde sulla pietra e, appena germogliata, seccò per mancanza di umidità. 7Un'altra parte cadde in mezzo ai rovi e i rovi, cresciuti insieme con essa, la soffocarono. 8Un'altra parte cadde sul terreno buono, germogliò e fruttò cento volte tanto». Detto questo, esclamò: «Chi ha orecchi per ascoltare, ascolti!».
9I suoi discepoli lo interrogavano sul significato della parabola. 10Ed egli disse: «A voi è dato conoscere i misteri del regno di Dio, ma agli altri solo con parabole, affinché

vedendo non vedano
e ascoltando non comprendano.

11Il significato della parabola è questo: il seme è la parola di Dio. 12I semi caduti lungo la strada sono coloro che l'hanno ascoltata, ma poi viene il diavolo e porta via la Parola dal loro cuore, perché non avvenga che, credendo, siano salvati. 13Quelli sulla pietra sono coloro che, quando ascoltano, ricevono la Parola con gioia, ma non hanno radici; credono per un certo tempo, ma nel tempo della prova vengono meno. 14Quello caduto in mezzo ai rovi sono coloro che, dopo aver ascoltato, strada facendo si lasciano soffocare da preoccupazioni, ricchezze e piaceri della vita e non giungono a maturazione. 15Quello sul terreno buono sono coloro che, dopo aver ascoltato la Parola con cuore integro e buono, la custodiscono e producono frutto con perseveranza.


La parola di Dio non può fare a meno di un ascoltatore attento e amante: è questo forse uno dei messaggi che ci consegna il vangelo di oggi. L’esperienza infatti insegna che la parola è per metà di chi parla e per metà di chi ascolta. Quali sono dunque le disposizioni per ascoltare bene la Parola?

Un primo elemento: impariamo solo da chi amiamo. L’amore ci rende più disposti all’ascolto, più essenziali, più ricettivi verso le voci che ci raggiungono, perché più liberati dal girare su noi stessi. Bisogna inoltre coltivare il proprio orto interiore per accogliere la parola di Dio, essendo capaci di amore. Nell’interpretazione della parabola del seminatore i terreni che non producono nulla sono proprio quelli per niente o poco lavorati: la strada, la pietra, le spine che soffocano i germogli… Superficialità; instabilità; mancanza di quella profondità che rende saldi nel momento della prova, perché le nostre scelte non dipendono dall’esterno ma da noi; l’essere invasi da più realtà che seducono, affascinano, distraggono, facendo perdere il senso di quel che è vero e soffocando la parola; l’esibizionismo e l’ostentazione della fede, che cela una povertà o un’inconsistenza interiori… L’ascolto della parola di Dio domanda questa cura personale del terreno che ciascuno e ciascuna di noi è. Un lavoro agricolo interiore! Come?

Piace fare uno sviluppo forse un po’ stravagante nella lettura del brano. Normalmente si pensa alla parola di Dio come qualcosa contenuto in un testo. Nel vangelo invece è la parola di un essere umano, Gesù. Sappiamo che Gesù è la Parola che illumina ogni essere umano che viene al mondo (Gv 1,9). Per questa illuminazione interiore ciascun essere umano può divenire per l’altro una parola che si riceve da Dio e l’altro può trasformarsi nel terreno in cui questa parola deposta germogli.

Così la parabola e la sua spiegazione raccontano quel che accade in questo incontro. Quando la parola che l’altro è ci raggiunge pure in modo maldestro e infelice, può nascere in noi il processo dell’ascolto. Esso svela in noi la nostra mancanza di empatia, la nostra insensibilità. Se continua a fare il suo lavoro manifesta la fragilità del nostro ascolto, la nostra fatica a portare il peso dell’altro. Rivela poi quanto il nostro ascolto che vorrebbe custodire l’unicità dell’altro sia in realtà distratto, preso dal canto di tante sirene.

Il terreno buono che risulta alla fine non è un quarto terreno che si aggiunge agli altri dall’esterno e si distingue da essi. In realtà è l’unico e medesimo terreno che è stato lavorato da questo ascolto. La parola che l’altro è proprio nel trarre a galla le resistenze, le ferite e le impossibilità del nostro ascoltare rende possibile fare qualcosa di esse. Così l’altro – e l’altro difficile in particolare - ci può insegnare a incontrare il nemico per tentare a incontrarsi come persone. E soprattutto nel lavoro di dissodamento e concimazione del terreno ci insegna l’importanza di disarmare l’aggressività accogliendola senza rimbalzarla specularmente sull’altro. Grazie all’altro diveniamo terreno buono!

fratel Davide