La compassione perduta

Leggi tutto: La compassione perduta

La Repubblica 10 luglio 2019

La compassione muore dove noi la uccidiamo giorno dopo giorno, ma la dignità umana è viva là dove anche una sola persona riconosce il proprio simile nella sofferenza, si china su di lui, lo abbraccia e, così facendo, lo salva.Perché «chi salva una vita, salva il mondo intero».

Continua la lettura

Di fronte alle divisioni tra Chiese ortodosse

Leggi tutto: Di fronte alle divisioni tra Chiese ortodosse

L'Osservatore Romano 27 maggio 2019

Vogliamo innanzitutto dire alle Chiese dell’ortodossia che facciamo nostra la loro sofferenza, perché è la carità di Cristo che ci spinge a questa partecipazione ai loro sentimenti. Pietro il Venerabile, abate di Cluny, grande monaco e spirituale medievale, scriveva in una lettera: «Non vive dello Spirito di Cristo chi non patisce le ferite del corpo di Cristo».

Continua la lettura

L'impegno della Pasqua

Leggi tutto: L'impegno della Pasqua

La Repubblica 21 aprile 2019

“Perché questa notte è diversa da tutte le altre notti?”. Così l’altra sera il più piccolo di ogni famiglia ebraica ha aperto la serie di domande al cuore del seder pasquale, la liturgia domestica che fa memoria dell’uscita del popolo d’Israele dall’Egitto e dalla condizione di schiavitù.

Continua la lettura

Fiamme e speranza

Leggi tutto: Fiamme e speranza

La Stampa 17 aprile 2019

Cosa è bruciato con la cattedrale di Notre-Dame? Un’unità inscindibile di tante identità: a prendere fuoco e andare in fumo sotto gli occhi attoniti e sgomenti di tutto il mondo è stato un monumento simbolo sì della città di Parigi, ma anche dell’intera nazione francese e della sua storia, della “figlia primogenita” della chiesa di Roma

LEGGI ANCHE: Gesù risorto per amore, Luoghi dell'infinito

Continua la lettura

Roma città aperta

Leggi tutto: Roma città aperta

La Repubblica 27 marzo 2018

L’essere al contempo “capitale d’Italia e centro del cristianesimo” significa difendere un’identità non malgrado, bensì grazie all’apertura al mondo e alla fame e sete di giustizia di tanti suoi abitanti. È proprio in questa vocazione a essere “città dei ponti e mai dei muri “.

Continua la lettura