Guardare la realtà con gli occhi di Dio

Avori salernitani
Avori salernitani

14 marzo 2018

Mc  10,28-34

In quel tempo 28Pietro prese a dire a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». 29Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c'è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, 30che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà. 31Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi saranno primi». 32Mentre erano sulla strada per salire a Gerusalemme, Gesù camminava davanti a loro ed essi erano sgomenti; coloro che lo seguivano erano impauriti. Presi di nuovo in disparte i Dodici, si mise a dire loro quello che stava per accadergli: 33«Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell'uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi; lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani, 34lo derideranno, gli sputeranno addosso, lo flagelleranno e lo uccideranno, e dopo tre giorni risorgerà».


Gesù ha appena affermato le esigenze della fedeltà nell’amore, ha indicato i bambini come coloro che sanno accogliere il regno e quindi esservi accolti, ha posto l’abbandono e la condivisione dei beni come condizione per abbandonarsi a lui e condividerne il cammino.

Schietta e spontanea come sempre sgorga dal cuore di Pietro la reazione che sentiamo così nostra: “Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito!”. Marco, a differenza di Matteo, non aggiunge altro, non c’è qui il “che cosa ne avremo?” cui pare rispondere Gesù. No, qui c’è solo il fiero “noi ci siamo! Abbiamo rotto i ponti con il nostro passato e ti stiamo seguendo, come ci hai chiesto. È vero, non capiamo tutto quello che ci dici, ci lasci sgomenti e impauriti con i tuoi annunci di una passione infamante… Però siamo qui, dietro a te, Signore!”.

E Gesù, come sempre, prende sul serio quella roccia che esce più salda da ogni dubbio che la assale, che si riscopre più ferma dopo ogni contraddizione che la scuote, che rinascerà ancor più fedele perfino dopo lo smarrimento totale del rinnegamento e il pianto dirotto del pentimento.

Gesù risponde a Pietro e a quelli che in ogni tempo si riconoscono nelle sue parole con un’affermazione inaudita: mai nessuno ha osato chiedere di lasciare tutto “per causa sua” prima ancora che per causa del Vangelo! Mai nessuno ha identificato se stesso con il Vangelo, la buona notizia di vita piena ed eterna per l’umanità intera e per tutto il creato. Questa unicità che Gesù rivendica per sé spazza via ogni ragionamento su meriti e ricompense attese – se giudichiamo a partire da quello che alberga nel nostro cuore e nella nostra mente, Pietro vi pensava eccome… – e sposta l’attenzione su un altro aspetto ben più decisivo: Gesù chiede a Pietro e a ciascuno di noi di renderci conto che già ora, in questo momento in cui tante domande ci assalgono sul futuro di passione o di gloria, già qui e ora noi stiamo beneficiando della promessa del Signore.

Abbandonare tutto sembra azione del passato, ma il suo legame con la sequela di Gesù lo rende compito quotidiano, cammino incessante. Ebbene in questo cammino intrapreso – non una volta per tutte, ma tutti i giorni di nuovo – noi riceviamo già, “in questo tempo” il centuplo in “case” (spazi vitali in cui habitare in unum, non proprietà immobiliari), “campi” (terreni fecondi di cui nutrirci, non latifondi di sfruttamento) e “fratelli, sorelle madri e figli” (non di sangue, ma per beneplacito di Dio). Tutto questo lo abbiamo, se solo sappiamo guardare la realtà con gli occhi di Dio, se solo facciamo del nostro abbandonare tutto un cammino e non un rimpianto, se solo agiamo per causa di Gesù e del suo Vangelo.

Dopo queste parole i discepoli osservano “sgomenti” Gesù che cammina davanti a loro e lo seguono “impauriti”. Da dove nascono sgomento e paura se il terzo annuncio della passione, morte e resurrezione avviene dopo e non prima di queste parole di Gesù sulla sequela? Forse, di quella promessa realizzata del centuplo attorno a loro, i discepoli avevano accolto solo quell’inciso che evocava “persecuzioni” come parte del dono, forse erano incapaci di scorgere il fratello nella persona accanto, forse non scorgevano davanti a sé né case né campi ma solo una croce.

Forse non avevano, non abbiamo ancora lasciato tutto e cominciato a seguire Gesù.

fratel Guido