Obbedienza e pace

Atelier iconografico di Bose
Atelier iconografico di Bose

11 ottobre 2017

Gv  21,15-22

In quel tempo 15 Gesù disse a Simon Pietro: "Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?". Gli rispose: "Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene". Gli disse: "Pasci i miei agnelli". 16 Gli disse di nuovo, per la seconda volta: "Simone, figlio di Giovanni, mi ami?". Gli rispose: "Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene". Gli disse: "Pascola le mie pecore". 17 Gli disse per la terza volta: "Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?". Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse: "Mi vuoi bene?", e gli disse: "Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene". Gli rispose Gesù: "Pasci le mie pecore. 18 In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi". 19 Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: "Seguimi".
20 Pietro si voltò e vide che li seguiva quel discepolo che Gesù amava, colui che nella cena si era chinato sul suo petto e gli aveva domandato: "Signore, chi è che ti tradisce?". 21 Pietro dunque, come lo vide, disse a Gesù: "Signore, che cosa sarà di lui?". 22 Gesù gli rispose: "Se voglio che egli rimanga finché io venga, a te che importa? Tu seguimi".


Viene spontaneo pensare che questo brano evangelico riguardi essenzialmente solo chi ha un ministero pastorale all’interno della chiesa e che, di conseguenza, chi pastore non è ne sia toccato solo indirettamente. In realtà il vangelo odierno parla di amore e di sequela e, quindi, si rivolge a ogni discepolo del Signore, a ciascuno di noi. Parla di amore e di sequela ponendo accanto a Gesù Pietro e il discepolo amato, la roccia chiamata a riconfermare i fratelli e quel discepolo che ciascuno di noi è chiamato a divenire. Pietro è invitato a riaffermare il suo amore per Gesù – un amore con tutto il cuore, con tutta l’anima, con tutte le forze – e a rinnovare la sua sequela, quella sequela iniziata sulle rive del lago, ripresa dopo lo scandalo dell’annuncio della passione, e qui risanata dopo la triplice ferita del rinnegamento. Testimone e compagno di questo cammino di amore e di sequela è il discepolo amato, colui che è chiamato a sua volta a “rimanere”, a dimorare nell’amore e nella sequela.

Papa Giovanni XXIII – di cui oggi facciamo memoria, nell’anniversario dell’apertura del concilio Vaticano II da lui voluto – ha dato corpo a questo vangelo di amore e di sequela, lui che per ministero era Pietro e per nome assunto era il discepolo amato. Lui che in un certo senso ha capovolto la profezia indirizzata da Gesù a Pietro: giovane, è sempre andato dove gli altri lo mandavano. Fianchi cinti, bastone in mano, calzari ai piedi, Angelo Giuseppe Roncalli andava in “obbedienza e pace” (questo il suo motto episcopale) dove altri lo mandava, sempre annunciando il vangelo dell’amore e chiedendo sequela all’amore. Divenuto vecchio nell’obbedienza, ha condotto la chiesa là dove il Signore voleva che andasse, anche se alcuni – forse molti – non volevano seguirlo. Solo in giorni recenti vi è chi ha voluto di nuovo condurlo là dove egli non avrebbe voluto andare: patrono disarmato di uomini in armi, proprio lui che aveva annunciato e costruito una “pacem in terris” rivolta a tutte le persone di buona volontà e non a una singola nazione tra le altre.

Quel semplice prete bergamasco – “nato povero, ma da onorata ed umile gente”, “particolarmente lieto di morire povero” – ha saputo conquistare i cuori e ottenere sequela perché il suo cuore era stato conquistato e tutta la sua vita era divenuta sequela: “Signore, tu sai tutto, tu sai che ti amo!”. Questa confessione di fede e di amore Angelo Roncalli non ha atteso di divenire papa per professarla; se mai, il suo ministero petrino l’ha dilatata, effusa su ogni essere umano: “Sappiate che Dio vi ama, e un piccolo segno di questo amore è che anch’io vi amo!”. Sequela e amore, obbedienza e pace sono stati il magistero di quell’uomo mandato da Dio il cui nome era Giovanni, ma era anche Giuseppe “vostro fratello”, quel fratello che i lontani non sapevano più di avere. Sequela e amore fino alla fine, perché così ha chiesto il Signore: “Tu seguimi!”, il discepolo amato rimane. Se tu mi segui, l’amore rimane fino al mio ritorno; se tu mi segui, la sequela finirà con il mio ritorno, l’amore no, perché l’amore non avrà mai fine.

fratel Guido


Guarda le date dei prossimi incontri in monastero

Sfoglia i libri delle nostre edizioni

Assaggia le nostre specialità


 Se desideri ricevere via email “Il Vangelo del giorno” iscriviti alla lista Leggere il Vangelo con noi.


Se lo desideri, puoi effettuare una donazione per aiutarci a mantenere vive quelle pagine del sito che richiedono maggior cura e aggiornamenti regolari. Grazie