Preghiera dei giorni: giovedì

12 gennaio 2017

Tracciandosi il segno della croce

INTRODUZIONE

Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca canterà la tua lode
Dio, fa’ attento il mio orecchio
perché ascolti la tua parola.

Il mio desiderio è rivolto a te
al ricordo del tuo Nome, Signore

di notte la mia anima ti desidera
al mattino il mio spirito ti cerca nel mio intimo.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito santo
com’era nel principio, ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

 

INNO

A te la lode, Padre santo
 

A te la lode, Padre santo
nell’ora in cui riappare il sole
la terra esulta di allegrezza
il cielo narra a noi la gloria.

Tu ami ogni creatura
che fa salire a te il suo canto
ci chiami con la tua parola
che ispira in noi la tua lode.

Beato l’uomo che ti adora
e il mondo aperto al tuo amore
nel giorno eterno ti vedremo
saremo luce nella Luce.

In noi lo Spirito ti canti
in noi tuo Figlio si riveli
saremo vera tua dimora
in mezzo al mondo che tu salvi.

SALMO

Antifona

Beati coloro che ascoltano
e osservano la parola di Dio. Lc  11,28

SALMO  95 (94) Se ascoltaste oggi la sua voce!

Venite, esultiamo per il Signore
acclamiamo alla roccia che ci salva
andiamo al suo volto con inni di grazie
acclamiamolo con musica e canti.

Sì, un grande Dio è il Signore
Re grande su tutti gli dèi:
nella sua mano gli abissi della terra
sono sue le vette dei monti
suo è il mare, egli lo ha fatto
sua è la terra plasmata dalle sue mani.

Venite, inchiniamoci, adoriamo
in ginocchio davanti al Signore che ci ha fatti:
sì, è lui il nostro Dio
e noi siamo il popolo del suo pascolo
le pecore guidate dalla sua mano.
Oh, se ascoltaste oggi la sua voce!

«Non indurite il vostro cuore come a Meriba
come nel giorno di Massa nel deserto,
dove i vostri padri mi misero alla prova
mi tentarono pur vedendo la mia azione.

«Quella generazione mi disgustò per quarant’anni
e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato
non vogliono conoscere le mie vie,
perciò ho giurato nel mio furore:
non entreranno nel mio riposo!».

Antifona
Beati coloro che ascoltano

e osservano la parola di Dio. Lc  11,28


VANGELO

Dal Vangelo secondo Marco (1,29-39)

In quel tempo 40 Venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». 41 Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». 42 E subito la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. 43 E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito 44 e gli disse: «Guarda di non dire niente a nessuno; va', invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha prescritto, come testimonianza per loro». 45 Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte.

Fai una breve pausa di silenzio

Se vuoi leggi il commento a questo vangelo fatto da un fratello o una sorella di Bose

CONTEMPLAZIONE

Figlio di Dio, Parola definitiva,
per mezzo di te Dio ha creato il mondo.

Cristo, irradiazione della gloria di Dio,
tu sei l’espressione del suo essere.

Tu che tutto sostieni con la potenza della tua parola,
sei seduto alla destra del Padre nei cieli.

Tu che sei il Figlio generato dal Padre,
sei adorato da tutti gli angeli.

Sei stato introdotto come primogenito nel mondo,
sei il Messia unto da Dio.

Ti sei fatto simile in tutto ai tuoi fratelli,
sei diventato il grande sacerdote misericordioso e fedele.
 
Esprimi nel segreto una tua preghiera. 
 
 
ORAZIONE

Signore Dio,
fa’ che troviamo rifugio
nell’umiltà del cuore di Gesù Cristo tuo Figlio:
allora i nostri pensieri saranno pensieri di pace
e le nostre azioni saranno azioni di carità.
Così nelle prove quotidiane
manifesteremo la ricchezza della sua pazienza
fi no a quando si leverà per noi
il nuovo giorno e saremo sempre con te,
Dio benedetto ora e nei secoli dei secoli.
Amen.


Musica e testi:
Ecco il Signore viene, Edizioni Qiqajon
Salterio di Bose, Edizioni Qiqajon
La preghiera dei giorni, Edizioni Qiqajon