sant'Antonio

17 gennaio

MARTIROLOGIO

Tracciandosi il segno della croce

INTRODUZIONE

Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca canterà la tua lode
Dio, fa’ attento il mio orecchio
perché ascolti la tua parola.

Padre degli orfani e difensore delle vedove
Dio abita la dimora del suo Santo
Dio fa abitare in una casa
coloro che hanno un unico intento.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito santo
com’era nel principio, ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

 

INNO

Coloro che il roveto ardente ha conquistato
son radunati attorno a te nel Regno eterno
nella sete han cercato il tuo volto di luce
solo te han seguito, ora vivono in te.

Al tuo banchetto eterno vengono nel canto
trasfigurati attorno al trono della gloria
han riposto ogni attesa nell’Amore fedele
tu li colmi di luce e li fai simili a te.

L’immensa nube dei tuoi santi testimoni
eleva a te il canto nuovo senza fine:
«La salvezza è di Dio e dell’Agnello immolato
noi non siamo che servi del suo sangue innocente».

A te, o Padre, creatore d’ogni cosa
per il Signore e redentore d’ogni vita
noi quaggiù sulla terra assieme ai santi del cielo
diamo lode per sempre nello Spirito santo.

 

SALMODIA

Antifona

Beati coloro che ascoltano
e osservano la parola di Dio
 

SALMO  1

Beato l’uomo
che non segue il consiglio dei malvagi
non resta sulla via dei peccatori
non sta in compagnia degli arroganti,

ma nell’insegnamento del Signore
trova la sua gioia
e medita il suo insegnamento giorno e notte.

Egli è come un albero
trapiantato presso corsi di acque
alla sua stagione darà il suo frutto,
le sue foglie mai appassiranno
tutto quello che fa riuscirà bene.

Non così i malvagi
ma come pula che il vento disperde
non reggeranno i malvagi nel giudizio
né i peccatori nell’assemblea dei giusti,
il Signore veglia sulla via dei giusti
ma la via dei malvagi si perderà.

Antifona

Beati coloro che ascoltano
e osservano la parola di Dio

VANGELO

Dal Vangelo secondo Matteo (6,24-34)

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli :«24 Nessuno può servire due padroni, perché o odierà l'uno e amerà l'altro, oppure si affezionerà all'uno e disprezzerà l'altro. Non potete servire Dio e la ricchezza. 25 Perciò io vi dico: non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito? 26 Guardate gli uccelli del cielo: non séminano e non mietono, né raccolgono nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non valete forse più di loro? 27 E chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita? 28 E per il vestito, perché vi preoccupate? Osservate come crescono i gigli del campo: non faticano e non filano. 29 Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. 30 Ora, se Dio veste così l'erba del campo, che oggi c'è e domani si getta nel forno, non farà molto di più per voi, gente di poca fede? 31 Non preoccupatevi dunque dicendo: «Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?». 32 Di tutte queste cose vanno in cerca i pagani. Il Padre vostro celeste, infatti, sa che ne avete bisogno. 33 Cercate invece, anzitutto, il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. 34 Non preoccupatevi dunque del domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena.»

Fai una breve pausa di silenzio

Se vuoi leggi il commento a questo vangelo fatto da un fratello o una sorella di Bose

CONTEMPLAZIONE

Tu hai chiamato alla tua sequela ogni discepolo:
per il regno dei cieli e senza nulla anteporre al tuo amore
hai chiesto ad alcuni di lasciare casa, famiglia e campi.

Tu sei il Signore presente dappertutto:
per vivere l’arte del discernimento della tua presenza
hai chiamato al deserto uomini e donne.

La tua parola è cibo di vita eterna:
per ascoltarla, meditarla, contemplarla e cantarla
hai chiamato alcuni al silenzio adorante.

La tua chiesa è vita di comunione:
per vivere l’amore reciproco con un’anima sola
hai radunato fratelli e sorelle in una vita comune.

Tu sei il Pastore del piccolo gregge:
per guidare le comunità cenobitiche nel loro cammino
hai suscitato guide spirituali, servi della comunione.

Esprimi nel segreto una tua preghiera.

PRGHIERA

Dio del cielo e della terra,
che hai ispirato Antonio a ritirarsi nel deserto
per lottare contro i demoni e vivere di te solo,
concedi anche a noi di rinunciare a noi stessi
e di vincere ogni tentazione per amare te
al di sopra di ogni cosa.
Per Cristo nostro Signore.

- Amen 

Ora prega il Padre nostro

Padre nostro che sei nei cieli …

Concludi facendoti il segno della croce