Preghiera per il tempo di Quaresima: martedì

28 marzo 2017

MARTIROLOGIO

Tracciandosi il segno della croce

Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca canterà la tua lode
Dio, fa’ attento il mio orecchio
perché ascolti la tua parola.

Le misericordie del Signore non sono finite
non sono esaurite le sue compassioni
esse sono rinnovate ogni mattina
perché grande è la sua fedeltà.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito santo
com’era nel principio, ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

INNO

Rinati dalla luce figli del giorno

Rinati dalla luce figli del giorno
Signore a te veniamo nel mattino
la tua parola dissipa le ombre
e libera dal male il nostro spirito.

O Padre della gloria Dio vivente
la tua luce splenda ai nostri occhi
da’ a noi l’eredità da te promessa
in Cristo figlio tuo primogenito.

Nel giorno in cui creasti Adamo dal fango
l’hai ricreato in Cristo sulla croce
noi contempliamo l’albero di vita
ormai non più vietato dal tuo angelo.

Onore e gloria a te o Padre del cielo
per mezzo di Gesù il salvatore
nel dono di ogni luce il santo Spirito
che vive eternamente per i secoli.

SALMO  57

Pietà di me, o Dio, pietà di me!
perché in te mi rifugio
mi rifugio all’ombra delle tue ali
finché non sia passata la disgrazia.

3 Io grido a Dio, l’Altissimo
a Dio che fa tutto per me,
4 egli mandi dal cielo la salvezza
annienti la bramosia di chi mi vuole divorare
Dio mandi il suo amore e la sua fedeltà.

5 I o dimoro in mezzo a leoni
che divorano gli esseri umani
i loro denti sono lance e frecce
la loro lingua una spada affilata.

6 Innalzati sopra i cieli, o Dio
e la tua gloria sia su tutta la terra!
7 Hanno teso una rete ai miei passi
ed ecco, io sto per soccombere
davanti a me hanno scavato una fossa
ed eccoli cadere nel fondo.

8 Il mio cuore è saldo, o Dio
il mio cuore è saldo,
io voglio cantare e inneggiare.
9 Svegliati, o mio intimo
svegliatevi, arpa e cetra,
io voglio accelerare l’aurora.

10 Ti ringrazio tra i popoli, Signore
ti canto in mezzo alle genti
11 il tuo amore è più esteso del cielo
la tua fedeltà più avvolgente delle nubi.
12 Innalzati sopra i cieli, o Dio
e la tua gloria sia su tutta la terra! 

EVANGELO
Dal Vangelo secondo Marco (10,17-27)

In quel tempo 17 Mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: “Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?”. 18 Gesù gli disse: “Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo.19 Tu conosci i comandamenti: ‘Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, non frodare, onora tuo padre e tua madre’”. 20 Egli allora gli disse: “Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza”. 21 Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse: “Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!”. 22 Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni.
23 Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: “Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio!”. 24 I discepoli erano sconcertati dalle sue parole; ma Gesù riprese e disse loro: “Figli, quanto è difficile entrare nel regno di Dio!25 È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio”. 26 Essi, ancora più stupiti, dicevano tra loro: “E chi può essere salvato?”. 27 Ma Gesù, guardandoli in faccia, disse: “Impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perché tutto è possibile a Dio”.

Fai una breve pausa di silenzio

Se vuoi leggi il commento a questo vangelo fatto da un fratello o una sorella di Bose

CONTEMPLAZIONE

Signore Gesù,
dopo aver compiuto la purificazione dei peccati,
ti sei assiso alla destra della potenza di Dio.

Signore Gesù,
sei coronato di gloria e di onore
a causa della morte che hai sofferto.

Signore Gesù,
reso perfetto attraverso le sofferenze,
ci guidi alla salvezza e ci porti alla gloria.

Signore Gesù,
hai avuto in comune con noi la carne e il sangue,
non ti vergogni di chiamarci fratelli.

Signore Gesù,
sei stato messo alla prova e hai sofferto,
per questo vieni in aiuto a chi subisce la tentazione.

Signore Gesù,
apostolo e grande sacerdote della fede che professiamo,
concedici di tenere lo sguardo fisso su di te.

ORAZIONE

Dio nostro Padre,
tu ci inviti a prendere ogni giorno la nostra croce
e a seguire tuo Figlio:
accorda a coloro che vivranno
nelle sofferenze questa giornata
di riconoscere colui che li ha preceduti
camminando verso la Pasqua
e concedi a noi tutti di compiere
ciò che manca nella nostra vita
alla passione di Cristo.
Egli vive e regna ora e nei secoli dei secoli.
Amen.

Ora prega il Padre nostro

Padre nostro che sei nei cieli …

Concludi facendoti il segno della croce


Musica e testi:
Ecco il Signore viene, Edizioni Qiqajon
Salterio di Bose, Edizioni Qiqajon 
La preghiera dei giorni, Edizioni Qiqajon