Pasqua: una notte diversa

Leggi tutto: Pasqua: una notte diversa

La Stampa 1 aprile 2018

“Questa notte ognuno consideri se stesso uscito dall’Egitto, liberato dalla schiavitù!”. Questa è una chiamata alla responsabilità rivolto a ciascuno, indipendentemente dalla propria fede: vivere nella libertà per liberare chi della libertà non può ancora godere.

Continua la lettura

Il diavolo secondo papa Francesco

Leggi tutto: Il diavolo secondo papa Francesco

L'Osservatore Romano 13 marzo 2018

“Il diavolo c’è anche nel XXI secolo e noi dobbiamo imparare dal Vangelo come lottare contro di lui”. In questa frase di un’omelia a Santa Marta nell’aprile 2014 è condensato il pensiero di papa Francesco non tanto sull’esistenza del diavolo, quanto – ben più in profondità – su come il cristiano deve affrontare questa presenza che, anche se privata di immagini e personificazioni stereotipate, non cessa di incidere sul vissuto quotidiano di ciascuno.

Continua la lettura

Continuità interiore

Leggi tutto: Continuità interiore

La Repubblica 13 marzo 2018

Sottolineare i cambiamenti, gli accenti, le differenze, le novità degli ormai cinque anni del pontificato di papa Francesco non implica una critica né tanto meno una contrapposizione rispetto a Benedetto XVI: gli stili, i modi di presiedere, di essere pastore e manifestare la sollecitudine per le urgenze dell’umanità possono e, in certa misura, devono essere diversissimi, perché i doni del Signore sono diversi tra loro.

Continua la lettura

Aiutiamoli con una casa per loro

Leggi tutto: Aiutiamoli con una casa per loro

La Repubblica 12 gennaio 2018

“Sarebbe bello che in ogni diocesi restasse un’opera strutturale di misericordia come ricordo di questo Anno Santo”. L’augurio di papa Francesco all’apertura del Giubileo della misericordia ha trovato terreno fertile in molte diocesi italiane.

Continua la lettura

Il rifiuto del povero

Leggi tutto: Il rifiuto del povero

La Repubblica 24 dicembre 2017

Circolari ministeriali a difesa del decoro dei centri urbani, ordinanze di sindaci che spostano il degrado in periferia, solerti pulizie mattutine di portici e piazze con getti d’acqua su marciapiedi e sottopassi, scomparsa di panchine pubbliche e chiusura di sale d’aspetto nelle stazioni, iniziative di privati cittadini che impediscono a senzatetto di trovare ricovero in un garage regolarmente affittato, multe e denunce a volontari che distribuiscono cibo e bevande a mendicanti… Non è una bella vigilia di Natale quella che stiamo vivendo.

Continua la lettura