images/newsletter/ecumenismo/16_05_14_finestra_ecumenica.png

Finestra ecumenica è anche una newsletter mensile di informazione e formazione su quanto accade nelle Chiese cristiane con una nostra lettura degli eventi ecumenici più significativi. Particolare attenzione è data alle realtà ecclesiali e monastiche con cui da sempre si è intrecciata la nostra storia di comunità ecumenica.  

Se desideri ricevere via email Finestra ecumenica iscriviti alla lista Finestra ecumenica - Dialogo tra le chiese.

Ecumenismo tra teologia e politica negli Stati Uniti

Leggi tutto: Ecumenismo tra teologia e politica negli Stati Uniti

Agosto 2017

Massimo Faggioli*
per Finestra ecumenica
*Professore al Dipartimento di teologia e studi religiosi Villanova University, Pennsylvania, U.S.A.

Il recente articolo pubblicato sulla rivista dei gesuiti Civiltà Cattolica dal direttore, p. Antonio Spadaro SJ e dal teologo protestante argentino Marcelo Figueroa (dal giugno 2016 direttore dell’edizione argentina de L’Osservatore Romano) ha aperto un vivace e a tratti duro dibattito sul cattolicesimo negli Stati Uniti e su alcune caratteristiche dell’ecumenismo politico della destra conservatrice in quel paese. L’articolo definisce “ecumenismo dell’odio” quella cultura che negli Stati Uniti accomuna cristiani cattolici e protestanti, uniti da un’avversione verso la modernità politica, il cosmopolitismo, i musulmani, e il dialogo interreligioso.

Continua la lettura

Riforma, pentecostali e dialogo ecumenico

Leggi tutto: Riforma, pentecostali e dialogo ecumenico

Agosto 2017

Cecil M. Robeck, Jr.*
per Finestra ecumenica
*Docente di Storia della Chiesa ed Ecumenismo al Fuller Theological Seminary (Pasadena, California), già membro del Comitato direttivo del Global Christian Forum e Co-Presidente della Commissione internazionale di dialogo cattolica-pentecostale, Collaboratore del Consiglio Ecumenico delle Chiese

Quest’anno 2017 segna il 500° anniversario della Riforma protestante. Alcuni lo ritengono evento importante, necessario e positivo contributo alla vita della Chiesa; altri lo vedono come una ferita non necessaria nella vita della Chiesa. È fuori discussione che questo evento abbia risollevato questioni di lunga data tuttora in via di soluzione. Il movimento ecumenico consiste proprio in questo: come possiamo risolvere simili questioni che abbiamo di fronte? Come possiamo superare le nostre differenze? Come possiamo fare passi in avanti insieme?

Continua la lettura

La Chiesa ortodossa Tawāḥedo d’Etiopia

Leggi tutto: La Chiesa ortodossa Tawāḥedo d’Etiopia

Agosto 2017

ABCDell'Ecumene

La Chiesa ortodossa Tawāedo (“unitaria”) ha caratteristiche peculiari rispetto alle altre Chiese dell’Africa nera. Oltre ad essere la prima Chiesa africana, insieme a quella della Nubia, non è nata in seguito all’opera missionaria occidentale. Pur dipendendo giuridicamente dalla Chiesa copta dalle origini fino al 1959 (ragion per cui viene talora designata impropriamente come Chiesa copta etiope), ha avuto una sua storia autonoma. Essa mantenne nel corso dei secoli alcune tradizioni giudaiche, precedenti all’evangelizzazione del paese.

Continua la lettura

I riformati aderiscono alla dichiarazione sulla giustificazione

Leggi tutto: I riformati aderiscono alla dichiarazione sulla giustificazione

Luglio 2017

Dal 29 giugno al 7 luglio il Consiglio generale della Comunione mondiale di chiese riformate (Cmcr) si è riunito a Lipsia. La Cmcr, che federa la maggior parte delle chiese riformate a livello mondiale, raccoglie 233 chiese modellate dalla riforma di Calvino e Zwingli sparse in 108 paesi per un totale di circa 80 milioni di fedeli. Il Consiglio generale, che si riunisce ogni 7 anni, è l’assemblea generale decisionale di questa comunione di chiese chiamata a “discernere nelle Scritture la volontà di Dio sugli orientamenti della Comunione mondiale di chiese riformate ed eleggerne i responsabili”.

Continua la lettura

La nostra chiamata all’unità, ieri e oggi

Leggi tutto: La nostra chiamata all’unità, ieri e oggi

Luglio 2017

di Olav Fykse Tveit*

Ai nostri giorni, lo scopo e gli obiettivi del Consiglio Ecumenico delle Chiese (CEC) sono più rilevanti che mai. La polarizzazione nelle sue diverse forme, il crescente divario tra ricchi e poveri, l’estremismo e la violenza, i timori per il futuro della stessa Terra e il rifiuto di assumersi la responsabilità per il futuro del nostro ambiente comune e del nostro futuro costituiscono una minaccia costante a ciò per cui ci battiamo, ciò che facciamo e quelli che sono i nostri valori e la nostra visione del mondo. Ciò è emerso chiaramente in occasione dei nostri sforzi per dare vita a un Pellegrinaggio di Giustizia e Pace: così tante sono le situazioni e le persone che desiderano e lottano affinché la giustizia, la riconciliazione e la pace possano portare una nuova luce e la speranza nelle loro vite.

Continua la lettura